Gli incendi della Costiera amalfitana

Vedere il fumo al di sopra del proprio villaggio spaventa. Un’estate piena di incendi sulla Costiera amalfitana. Un commento sui dati dell’area bruciata, speculazioni sulle cause, le reazioni dei volontari e il cambiamento ambientale ed ecologico.

Sviluppo e cause

Gli incendi boschivi come disastro naturale hanno caratteristiche specifiche riguardanti l’area interessata, la loro intensità e la loro origine. Per sviluppare un incendio boschivo è necessaria una certa quantità di materiale infiammabile, come ad esempio la vegetazione secca. In situazioni di poca aridità non si verificano incendi selvatici, mentre quando la vegetazione è secca si possono verificare incendi selvatici anche in moderate condizioni di precipitazione. Gli incendi selvatici si verificano pertanto dipendentemente dalla situazione vegetazionale e del suolo da un lato e da ciò che lo innesca dall’altro. La disponibilità di materiale bruciabile dipende dallo stress idrico delle piante e degli alberi e dall’umidità del terreno. In caso di vento il fuoco si diffonde più velocemente e colpisce un’area più ampia. In condizioni asciutte, gli incendi selvaggi si sviluppano più facilmente. La disponibilità di materiale infiammabile dipende anche dalla vegetazione: i piccoli incendi normali (controllati) si riducono grazie alla “pulizia” delle foreste. Anche gli alberi resistenti al fuoco limitano lo sviluppo. Purtroppo, queste sono spesso tagliati per uso umano.

Le origini degli incendi boschivi possono essere distinte in base alle cause dell’innesco in cause umane e cause naturali. Più o meno l’unica causa naturale di un fuoco selvatico sono i fulmini. Le attività umane che possono provocare incendi selvaggi sono resti di spazzatura, senza trascurare le sigarette, i barbecue e i falò che sfuggono al controllo e soprattutto l’incendio intenzionale. Dietro l’ultima causa, ci possono essere vari motivi, ad es. la gioia del fuoco da parte dei piromani o degli interessi commerciali con intenti criminali.

La situazione sulla costa amalfitana

Cercando alcuni dati relativi agli incendi boschivi in Italia, ho trovato il database EFFIS fornito dall’Unione Europea. Nel periodo compreso tra il 01-01-2017 e il 05-09-2017 la distribuzione degli incendi dell’area è visibile dalla figura. I dati provengono da analisi dei dati satellitari e sensori a raggi infrarossi. Le zone maggiormente danneggiate, come visibile dal grafico, sono il Monte Vesuvio e anche la Costiera Amalfitana. Ma ci sono stati anche numerosi incendi selvaggi registrati nel nord di Napoli. Per quanto riguarda l’area bruciata, il danno sul Vesuvio e su Tramonti è ancora più visibile. Ma anche nei pressi di Positano e a Est di Napoli l’area interessata è di notevoli dimensioni. Si noti che la risoluzione di registrazione è a 375 metri, quindi fuochi e aree di dimensioni inferiori non sono state incluse nella figura.

Incendi boschivi registrati tra 01/17 – 09/17. Fonte: EFFIS dataset.

Area bruciata dagli incendi boschivi tra 01/17 e 09/17. Fonte: EFFIS dataset.

 

È possibile visualizzare l’area bruciata dell’intera Italia dagli stessi dataset dell’EFFIS, quest’anno l’intensità degli incendi risulta maggiore non solo nella percezione soggettiva ma anche se si consultano i dati. Mentre la media dell’area bruciata dopo il periodo estivo è leggermente inferiore a 40000 ha, il valore per il 2017 è di 130000 ha. Ma questo non riguarda solo l’Italia, per l’intera Unione europea il grafico sembra simile. Pertanto, la situazione è stata veramente estrema in Italia nel 2017, ma l’estate calda e arida ha influito anche per gli incendi boschivi in tutta Europa (vedi la figura).

Area bruciata da incendi in Italia tra 01-17 e 09-17. Fonte: EFFIS dataset.

 

Area bruciata da incendi boschivi nella Unione Europea tra 01-17 e 09-17. Fonte: EFFIS dataset.

 

 

Combattere i fuochi

Parlando con i colleghi della protezione civile di volontari, ho avuto l’informazione che l’estinzione degli incendi è coordinata dall’ufficio generale dei vigili del fuoco. L’allarme viene di solito dai cittadini che chiamano la linea telefonica e poi l’ulteriore procedura è coordinata dall’ufficio generale dei vigili del fuoco. Ma anche le organizzazioni di volontariato come MILLENIUM aiutano nel controllare gli incendi. Nell’area montuosa spesso gli aerei per l’estinzione sono l’unica soluzione in casi critici. Nel caso degli incendi in Campania nell’estate del 2017, molti aerei del tipo CANADAIR sono stati attivi. Questi aerei possono raccogliere 5000-7000 litri di acqua (fonte: wikipedia) per ogni volo e sono uno dei pochi mezzi per combattere il fuoco nell’area montuosa secca. Alcuni di loro sono stati assunti e presi in prestito dalla Francia, in quanto gli aerei italiani non erano sufficienti per tutti gli incendi. Questo è stato molto costoso.

Incendio sulla Costiera amalfitana. Fonte: ecostiera.it

Oltre a questo, quando i fuochi si avvicinano troppo ai villaggi, vengono coinvolti anche i locali che come volontari costruiscono muri di terreno, tagliano gli alberi e bagnano l’area per tenere il fuoco lontano dai villaggi. A Tramonti, si è verificato per diverse notti che i volontari restassero durante la notte a cercare di arginare il fuoco. Anche dal staff di Acarbio, hanno combatuto come volontari i fuochi.

Riguardo le cause degli incendi, parlando con la gente l’idea è che essi siano appiccati sia dai piromani che da criminali. Questo è il sospetto generale, purtroppo i colpevoli sono raramente catturati. È stata organizzata una petizione e ci sarà un evento sull’argomento il settembre 11, per portare all’attenzione delle autorità questo problema, chiedendo misure politiche per un maggiore monitoraggio.

Effetti ecologici degli incendi

Gli incendi selvaggi disturbano e danneggiano, i rispettivi ecosistemi, la fauna e la flora. A seconda della loro intensità e delle caratteristiche dell’area interessata, il disturbo può essere più o meno recuperato dall’ecosistema circostante. Questo dipende anche dalla sensibilità e dalla vulnerabilità dei siti, oltre che dalle capacità di resilienza dell’ecosistema. Siti marginali, ad es. i territori ripidi, i territori con una bassa copertura del suolo, i siti di rimboschimento o siti in via di estinzione sono di solito maggiormente colpiti. Ciò rende la costa amalfitana e le sue terrazze vulnerabili agli incendi selvaggi. Effetti sull’ecosistema includono l’erosione del terreno, l’esposizione di terreno senza copertura vegetativa, la salinizzazione del terreno a causa anche dell’utilizzo di acqua salata per spegnerli, l’incremento della mortalità e le difficoltà degli animali che sopravvivono, ma si ritrovano senza una tana e senza cibo. In questo articolo di ANSA esperti di ISPRA e di ARDEA si concentrano innanzitutto sul rischio per gli uccelli migratori che attraversano l’Italia in viaggio verso il Nord Africa e non trovano cibo qui o sono facili vittime della caccia, tornando a siti non protetti (dopo aver trovato bruciato i siti protetti). La mancanza della realizzazione di un nuovo piano di caccia per questa particolare stagione è stata fortemente criticata. In secondo luogo, essi si concentrano sul rischio che le specie invasive si diffondano nelle aree bruciate non coperte e occupino così l’ecosistema.

La situazione di pericolo ecologico diventa più grave dopo questa estate. Parlando ai colleghi di Acarbio, mi dicono che le frane possono ora essere un grave pericolo per tutta la zona non appena le piogge inizieranno. Si parla della vulnerabilità del terreno rispetto all’erosione anche in questo conference paper della Società Geologica Italiana (2013). Questo è un pericolo per gli ecosistemi forestali e le terrazze in termini di erosione, ma anche per le case e i villaggi. La vegetazione si riprenderà, ma probabilmente cambierà, a causa delle specie invasive che prendono posto. Un’altra questione è la prossima stagione di caccia, che metterà maggiore pressione sugli animali già vulnerabili. Ma questi effetti sono molto difficili da stimare, e molti saranno visibili solo nei mesi e negli anni a venire.

Incendi nei social media

L’argomento è stato trattato nei social media sotto diversi aspetti. Sorprendentemente, personalmente ho notato che si è parlato molto poco degli incendi su Twitter. Su facebook ho trovato qualche post realizzato da organizzazioni locali e volontari. Questa è un’impressione molto personale, naturalmente, ma ho trovato solo un paio di altre voci su Twitter riguardo l’argomento. La mia impressione è che la gente ne stia parlando in strada, ma non (ancora) tanto sui social media. Questo è un peccato a mio avviso, perché i social media permettono di portare all’attenzione maggiormente l’argomento e anche fuori dalla regione e dal gruppo.

Protezione dagli incendi boschivi

Quindi, cosa si può fare per evitare una situazione simile? Quella contro gli incendi è una sfida che si svolge tra prevenzione, rilevazione e mezzi di estinzione efficaci. Le misure di precauzione classiche si basano sulle norme di prevenzione- perciò riguardano comportamenti inadeguati che si possono evitare con la sensibilizzazione, la fornitura di infrastrutture sicure per attività di svago, divieti stagionali o annuali, sistemi di allarme rapido. Per l’utilizzo speculativo del suolo, ci sono leggi che impediscono questo. La persecuzione dei responsabili è anche un fattore molto importante. Le “Guardie Forestali” potrebbe pattugliare regolarmente le montagne per controllare le attività criminali. A livello internazionale, anche incendi piccoli e controllati sono considerati soluzioni valide. Così, il materiale combustibile viene rimosso dalla foresta prima che un grande fuoco incontrollabile possa svilupparsi. Ma gli esperti non sono ancora d’accordo sull’estensione e sull’utilità di questa strategia.

Le possibilità di estinzione dipendono (a parte la situazione vegetazionale) su quanto velocemente viene rilevato il fuoco e quanto velocemente si interviene. Di solito questi fattori sono legati agli investimenti finanziari. Nelle regioni con il supporto volontario (o forse la completa dipendenza dai volontari), gli investimenti richiesti sono più piccoli. Nelle montagne, per l’estinzione ci vengono principalmente utilizzati gli aerei, che trasportano l’acqua dal mare. Anche la realizzazione di “Linee tagliafuoco” che consistono in aree prive di vegetazione, costruite da volontari che ripuliscono un’area lineare, lasciando solo la terra nuda per impedire all’incendio di continuare ad avanzare; questa operazione viene facilitata se si utilizzano i sentieri già presenti per realizzare la linea tagliafuoco. In questo senso è quindi importante la regolare manutenzione e pulizia dei sentieri di montagna durante tutto l’anno, anche perché la presenza di una rete ben tenuta di sentieri permette ai volontari stessi, ma anche ai vigili del fuoco di raggiungere più facilmente e velocemente la zona dell’incendio e trasportare eventuali attrezzature.

Conclusioni?

Ci sarà un evento all’inizio di settembre in Costiera Amalfitana con lo scopo di portare più attenzione su questo argomento e chiedere azioni politiche concrete. Sono lieto di vedere questo, e spero davvero che ci sarà un’attenzione e una maggiore sensibilizzazione da parte del pubblico, soluzioni, colloqui politici e, infine, azioni da parte di altri. In una petizione i cittadini stanno già chiedendo pene giudiziarie più elevate per i colpevoli degli incendi, nonché un maggiore coinvolgimento da parte degli eserciti nelle aree in pericolo. Anche la sorveglianza attraverso con mezzi satellitari o con l’utilizzo di droni sono da prendere in considerazione. Saremo lì a seguire ciò che viene detto e fatto per le estati future.

È spaventoso vedere il fuoco al di sopra della propria casa, e in quel momento non puoi davvero fare nulla.

 

di Cornelia Kramsall * studente della gestione ambientale all’University of Natural Resources and Life Science Vienna

“passionate about projects and ideas to enjoy life while greening the world – let’s keep spreading the word”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Connect with Facebook